Itinerari, escursioni e tour

Clicca sul logo e scegli una delle nostre proposte in collaborazione con Le Marche del Cuore

Sport & Benessere

Villa Olesia dedica particolare attenzione all’attività fisica che, se intesa come corretto stile di vita, non solo contribuisce a raggiungere e mantenere ottimali condizioni di forma, ma genera anche un benessere psicofisico globale. La Villa gode di prestigiose partnership con strutture locali.

Su richiesta si organizzano escursioni a piedi o in mountain bike e corsi di Yoga e acquagym.

Per tutto il periodo estivo proponiamo anche corsi di Surf, Windsurf, Kitesurf, Pilates, Beach Volley e Beach Tennis direttamente sulla spiaggia di Senigallia a pochi km dalla villa.

Per trascorrere nel modo migliore la vacanza è possibile affittare biciclette.

 

Cosa vedere vicino a Villa Olesia

mappa-1

  • Ostra
  • La città di Ostra è adagiata su una delle caratteristiche colline del paesaggio marchigiano, sovrastante la valle del Misa e fa parte dell’Associazione nazionale Città del vino, dell’Associazione nazionale Città del Miele e vanta la Bandiera Arancione. Vanta un importante patrimonio artistico e culturale. La piazza centrale, Piazza dei Martiri, punto di unione fra le due parti della città, è dominata dall’edificio neoclassico del Palazzo Comunale (1749), cui è annesso il delizioso Teatro La Vittoria (1863), e dalla Torre Civica. Uno degli eventi principali di Ostra è il “Premio Angelica Catalani” ideato e curato dal Maestro Leone Magera. Altro appuntamento che richiama sempre molti turisti è la Notte degli Sprevengoli che, in occasione del periodo di Halloween (fine ottobre), trasforma il centro storico di Ostra in un borgo incantato.
  • Morro d'Alba
  • Morro d’Alba è un piccolo paese dalle origini molto antiche situato tra Senigallia e Jesi, a 200 metri sul livello del mare. I siti turistici di maggior interesse sono: il Palazzo Comunale, ; la Chiesa della SS. Annunziata (oggi Auditorium), la Parrocchiale di San Gaudenzio, bell’esempio di architettura religiosa marchigiana della seconda metà del Settecento, il museo “Utensilia”, allestito nei suggestivi sotterranei del castello, sotto “la Scarpa”, che raccoglie una nutrita selezione di utensili e attrezzi agricoli e documenta lo stile di vita e la cultura dei mezzadri marchigiani. Il più famoso prodotto di Morro d’Alba è il Lacrima di Morro d’Alba, vino DOC, ottenuto dal vitigno autoctono lacrima e conosciuto già al tempo dei romani.
  • Senigallia
  • Senigallia, una delle principali mete turistiche del territorio marchigiano, non si limita a offrire un centro storico degno di nota e un lungomare pieno di vita, ma ha anche una campagna con distese di campi, fiori e paesaggi da perdere il fiato. Nota per la sua spiaggia di velluto, la città del Summer Jamboree gode da anni del titolo di Bandiera Blu. Naturalmente è’ l’estate il periodo migliore per vivere il lungomare di Senigallia, con i suoi bar, i suoi ristoranti, le sue spiagge, il molo, il porto, lo splendido faro e la famosissima Rotonda sul mare.
  • Corinaldo
  • Corinaldo, piccolo paese in provincia di Ancona, è uno dei Borghi più belli d’Italia, Bandiera Arancione. Situata poco lontano dalla costa del Mar Adriatico offre ai visitatori tantissimi luoghi interessanti da vedere, un misto tra storia, arte, tradizione e spiritualità. Al vostro arrivo a Corinaldo sarete subito affascinati dalle imponenti mura quattrocentesche perfettamente conservate. All’interno delle mura evidenziamo poche tappe imperdibili, che comprendono la famosa Piaggia, centro della città, con il Pozzo della Polenta, la Casa di Scuretto, la Chiesa dell’Addolorata, il Teatro Goldoni, il Santuario Diocesano di Santa Maria Goretti, Porta San Giovanni dove sono conservati numerosi elementi di difesa tipici dell’epoca, e i Landroni, un lungo porticato che deriva dalla sopraelevazione degli edifici in via del Corso.
  • Conero
  • Parco Naturale del Conero: Un panorama mozzafiato verso l’orizzonte, una grande biodiversità, un territorio esteso che comprende Ancona, Camerano, Numana, Sirolo e Portonovo. Una vera e propria oasi ambientale nata attorno al Monte Conero una macchia mediterranea tra il cielo e il mare.
  • Genga
  • Le grotte di Frasassi sono delle grotte carsiche sotterranee che si trovano nel territorio del comune di Genga, in provincia di Ancona. Il complesso delle grotte ricade all’interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi. Il complesso è formato da una serie di grotte di cui la prima, visitabile dall’attuale ingresso, è l’Abisso Ancona, enorme cavità che ha un’estensione di 180 x 120 m ed un’altezza di 200 m; è talmente ampia che al suo interno potrebbe essere contenuto senza problemi il Duomo di Milano. Dal 1º settembre 1974 parte delle grotte è aperta al pubblico, divenendo nel tempo una delle maggiori attrazioni turistiche delle Marche.
  • Monte Cucco
  • Il Parco del Monte Cucco copre una superficie di 10.480 ettari di Area Protetta. Ricade su un territorio delimitato dal crinale dei Monti Appennini con il monte Cucco (m. 1566), dai fiumi Sentino e Chiascio e dal percorso storico della Via Flaminia. E’ il parco delle acque sotterranee e delle fonti minerali, dei corsi d’acqua incontaminati, delle grandi faggete e delle grotte carsiche non violate e non violabili dalle frequentazioni di massa. E’ il Parco in cui vivono il lupo e l’aquila reale. E’ il Parco caratterizzato dai centri storici minori ma ricchi di testimonianze culturali ed artistiche; e da numerosi e suggestivi eremi. E’ il Parco dello sport in montagna: il volo libero, la speleologia, lo sci di fondo.
  • Monte S.Vicino
  • San Vicino è un monte dell’Appennino umbro-marchigiano situato lungo la linea di confine tra le province di Ancona e Macerata. Appartiene alla dorsale più esterna della catena Appenninica Marchigiana, ed è l’elemento di maggior spicco, non soltanto perchè è tra le cime più alte (1479 m), ma anche perché è visibile da quasi ogni punto del territorio circostante. La tipica forma a “vulcano” ne fa un elemento ben distinguibile e riconoscibile e come tale ha sempre rappresentato per l’intero territorio il primo punto di riferimento. Diverse sono le modalità di accesso e di visita ai territori della “Riserva Naturale del monte San Vicino e del monte Canfaito”. La carta dei sentieri consente a chiunque liberamente di conoscere i luoghi della Riserva attraverso itinerari facilmente percorribili a piedi, a cavallo o in mtb.
  • Loreto
  • Loreto sorge sulla sommità d’una dolce collina, con un’ampia campagna attorno caratterizzata dalla coltivazione dell’ulivo. E’ famosa per essere la sede della Basilica della Santa Casa, uno dei più importanti e antichi luoghi di pellegrinaggio del mondo cattolico. che ospita la celebre reliquia della Santa Casa di Nazareth dove, secondo la tradizione, la Vergine Maria nacque e visse e dove ricevette l’annuncio della nascita miracolosa di Gesù. Le sagome della cupola e del campanile della Basilica svettano per altezza e maestosità. Il bellissimo panorama spazia dal mare al Monte Conero fino all’Appennino umbro-marchigiano.
  • Arcevia
  • Arcevia, a 40 km. da Senigallia, è situata tra la catena montuosa degli appennini umbro marchigiani e il mare adriatico. I nove castelli di Arcevia (Avacelli, Castiglioni, Caudino, Loretello, Montale, Nidastore, Palazzo, Piticchio, San Pietro) costituiscono una delle attrazioni principali della cittadina: si tratta di centri abitati murati di impianto tre-quattrocentesco, che hanno conservato le loro peculiarità tipologiche fino ad oggi. La conformazione del paesaggio rende ogni località particolarmente adatta per passeggiate ed escursioni, anche in mountain-bike. II Monte della Croce ed il Monte Sant’Angelo sono solcati da suggestivi sentieri facilmente percorribili. Ricchi di verdi prati, sono adattissimi per allegri pic-nic e passeggiate nella natura.
  • Pergola
  • Pergola è una città d’arte nota per lo straordinario ritrovamento dei famosi Bronzi Dorati da Cartoceto di Pergola, unico gruppo di bronzo dorato esistente al mondo, giunto fino ai nostri giorni dall’età romana. Il centro storico di Pergola è ricco di testimonianze architettoniche, tipiche del medioevo, con costruzioni in pietra, case-torri e numerosi e notevoli edifici religiosi, a conferma dell’importanza che la città ha ricoperto nel tempo. Pergola è anche la città del tartufo e, oltre a questo, è possibile gustare alcuni prodotti tipici, come il vino Pergola Doc, la visciolata, l’olio, i formaggi e il miele.